Accedi/Registrati
Negozi

FONDAZIONE CANALI ONLUS - ASSISTENZA SANITARIA

FONDAZIONE CANALI ONLUS - ASSISTENZA SANITARIA

La tutela della salute individuale. Scopri l’impegno della Fondazione Canali Onlus
per la promozione del benessere fisico e psicologico.

La tutela della salute individuale. Scopri l’impegno della Fondazione Canali Onlus
per la promozione del benessere fisico e psicologico.

SCOPRI TUTTI I PROGETTI SCOPRI TUTTI I PROGETTI

UNA MANO PER L'AFRICA

Burkina Faso (2015-2016)
G.I.C.A.M. Onlus

'Una mano per l’Africa' è un progetto promosso dal G.I.C.A.M (Gruppo Italiano Chirurghi Amici della Mano) in Burkina Faso, rivolto a soggetti pediatrici con problemi funzionali alle mani, come malformazioni o esiti di incidenti infantili. L’obiettivo è la cura e la ricostruzione chirurgica e plastica dell’arto superiore per migliorare la prospettiva di inserimento nel mondo del lavoro una volta terminata l’educazione scolastica.

In Burkina Faso – uno dei Paesi più poveri al mondo - l’assistenza sanitaria è fortemente precaria e a totale carico del paziente. Questo scenario non permette cure nell’ambito della microchirurgia ricostruttiva e plastica. Tra il 2015 e il 2016, nel corso del progetto 'Una mano per l’Africa', i chirurghi del G.I.C.A.M hanno visitato 224 pazienti presso l’Ospedale Paul VI a Ouagadougou e hanno realizzato ben 23 interventi, occupandosi inoltre di rendere partecipi e istruire all’attività di recupero funzionale i fisioterapisti della struttura locale.


ESPLORA ALTRI PROGETTI

CUORE DI BIMBI

Uganda, Mission Bambini Onlus
Il progetto promuove lo sviluppo della cardio-chirurgia pediatrica all’Ospedale Mulago di Kampala, in Uganda, e la formazione del personale sanitario locale.

LEGGI

DAI COSTRUIAMOLO INSIEME!

Monza, Comitato Maria Letizia Verga Onlus
Progetto per una nuova 'casa' per l’Ematologia Pediatrica dell’Ospedale San Gerardo di Monza e per il Centro Ricerca Tettamanti sulle leucemie infantili.

LEGGI

PIU' BAMBINI

Milano, Fondazione Renato Piatti Onlus
Il progetto ha l’obiettivo di ospitare un maggior numero di bambini affetti da autismo, riducendo al minimo le liste di attesa.

LEGGI