Accedi/Registrati
Negozi

Creatore di emozioni, Guido Gobino lavora ogni giorno con passione in una sfida continua con se stesso. Nell’intervista per i 200 Steps, l’artigiano del cioccolato, come ama definirsi, esplora il lato creativo che gli ha permesso di differenziarsi e di creare vere e proprie esplosioni di sapori e gusti inaspettati.

'Il meglio non ha mai un confine' questa la filosofia che dagli anni 90 spinge Guido Gobino a ricercare, sperimentare e innovare le sue piccole opere d’arte per soddisfare i palati più raffinati.

Torinese doc, sin da bambino ha respirato in famiglia gli aromi e i gusti del cacao riuscendo, con il tempo, a farli propri. Riconosciuto per essere l’artefice di uno dei più prelibati giandujotti, il suo talento consiste nel trovare sempre il giusto equilibrio tra tradizione ed innovazione. Antiche ricette torinesi, creatività e passione sono gli ingredienti segreti del maître chocolatier italiano. Il primo step per il cioccolatino perfetto è l’ispirazione.

Generalmente si comincia da una sensazione, da una spezia, da un aroma speciale. È questo che fa scattare la volontà di andare alla ricerca di un gusto particolare e di vedere se può essere abbinato al cioccolato'.

Spinto da una passione sfrenata, che lo porta a lavorare di giorno e svegliarsi di notte, pensando a nuove ricette, Gobino fonde la sua esperienza ventennale con la voglia di innovare per realizzare gli accostamenti più inaspettati, quel quid che lo contraddistingue. Il gioco di squadra è un altro ingrediente decisivo per un prodotto straordinario.

'Bisogna lavorare con persone appassionate che condividano lo stesso obiettivo'.

Nell’intervista per il 200 Steps, Guido Gobino, spiega come i sensi siano coinvolti nella realizzazione e degustazione di un cioccolatino: l’impulso visivo, l’aspetto gustativo e olfattivo si fondono insieme per costruire un ricordo indimenticabile.

LEGGI TUTTI GLI ARTICOLI 200 STEPS

IL LOOK

Un look elegante adatto ad ogni occasione. Protagonista la giacca di velluto due bottoni abbinata ad un pantalone in lana e seta, una camicia di cotone e delle classiche derby in vitello.


SCOPRI